width=
Policlinico- incomprensioni PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Giovedì 05 Giugno 2014 20:10

Informazione Sindacale del 5 giugno 2014

CONTINUANO LE INCOMPRENSIONI FRA AZIENDA POLICLINICO E OO.SS. DELL'UNIVERSITA'

Gli attuali vertici dell'Azienda Policlinico continuano a umiliare le OO.SS. dell'Università considerando l'Azienda stessa una Azienda del SSR presso la quale il ruolo dell'Università e dei suoi operatori diventano esposti ad ogni forma di promiscua assimilazione dove solo l'attività assistenziale appare come l'unica attività predominante. Spiace, tuttavia, costatare che l'università non sembra capace di esprimere e rivendicare il proprio ruolo neppure nei confronti di coloro che "governano" in un regime di transitorietà senza fine con l'unico obbiettivo di compiacere alla regione che li ha nominati e alle OO.SS. corporative portate a mantenere quei privilegi e quelle posizioni frutto di un'andazzo capace di raddoppiare il costo di una sanità che offre molto meno di quanto sanno fare in altre regioni.

Occorre sdradicare questo fenomeno e intrattenere relazioni sindacali che rivendicano il rispetto delle regole e della legittimità. Per questo ci batteremo fino a quanto, se voglio, non cambiani le attuali regole. E' vero che paghiamo le scelte scellerate fatte nel passaro ma abbiamo speranza che il tempo è galantuomo e darà le rispote giuste.

Ciò premesso si riporta il testo di una nota di tutte le  OO.SS. dell'Università a seguito delle prese di posizione dell'Amministrazione Aziendale i cui testi si potranno consultare negli allegati alla nota stampabile in pdf.

Antonino Gatto

Nota Unitaria pdf; allegati 1; allegati 2; allegati 3

" Catania 4 giugno 2014

Al Magnifico Rettore - Università degli Studi - Catania

e,p.c. Al Direttore Generale f.f. - All’Ufficio Relazioni Sindacali - A.O.U.P.-V.E. - Catania

Si fa seguito alla nota prot.n.21776 del 28.05.2014 con la quale il Direttore Generale f.f. dell’AOUP risponde alla nota della M.V. prot.n.52019 dello scorso 2 maggio, inviata per conoscenza a questa O.S. (All.1 e 2).

Le affermazioni e le conseguenti considerazioni contenute nella nota sono infondate e offensive. Nel merito s’impongono le seguenti osservazioni:

-     Con riguardo alla frase “….si rappresenta che questa Direzione, nel più ampio spirito di condivisione delle tematiche relative al personale, ha invitato la medesima sigla sindacale……..”, si ha l’impressione che la Direzione, con malcelata autoreferenzialità,  voglia rimarcare la propria benevolenza nell’estendere “l’invito” a questa sigla sindacale, “unitamente alle altre sigle dei sindacati universitari……insieme ai sindacati ospedalieri”, come se lo stesso fosse stato formulato per pura cortesia, nell’errata convinzione che le OO.SS. dell’Università non siano rappresentative nell’AOUP;

-     Tra i punti all’o.d.g. relativi alla nota di convocazione della contrattazione decentrata tenuta in data 15.04.2014 (all.3), non discussi per via della pregiudiziale, non si fa alcun cenno alla questione “Posizioni Organizzative”;

-     La frase riportata nel terzo capoverso della nota “La suddetta sigla sindacale universitaria, pur tuttavia, ha ritenuto di abbandonare, …………….arrecando notevole disagio a tutti i lavoratori”, oltre che essere infondata nel merito, è gratuitamente offensiva nei termini, rivolta, com’è, a una Organizzazione Sindacale che ha come compito istituzionale la difesa dei lavoratori nell’ambito del vigente ordinamento legislativo e contrattuale. E’ infondata, in quanto la Uil Rua, unitamente alle altre OO.SS., non ha “abbandonato” il tavolo di contrattazione. Infatti, le OO.SS. universitarie a quel tavolo di contrattazione hanno rappresentato, pregiudizialmente, che lo stesso per essere considerato tale doveva avere i presupposti di legittimità, così come previsto dalle vigenti norme contrattuali del comparto, con la presenza del Magnifico Rettore o di un suo delegato. Il Direttore Generale f.f., dopo aver invitato tutte le OO.SS., comprese quelle della Sanità, a esprimere il loro avviso sulla questione, ha deciso di non potere proseguire l’incontro in considerazione delle motivazioni pregiudiziali che, nei fatti, avrebbero potuto inficiare, legittimamente, ogni possibile veniente determinazione. Invero, contestualmente, le OO.SS. universitarie, nel confermare la pregiudiziale, hanno manifestato ogni disponibilità a rinviare la contrattazione a successivo incontro “ma solo in presenza del Rettore o suo deliegato”. Quanto sopra è riportato nel verbale di contrattazione unitamente agli allegati presentati (All.4).

A dire il vero, siamo rimasti perplessi e stupiti nel leggere la suddetta nota.

Risulta incomprensibile il riferimento alla nota della M.V., prot.n.52019 dello scorso 2 maggio, con i fatti del 15 aprile che hanno portato l’Amministrazione (e non noi) a decidere di rimandare la contrattazione. Con detta nota la M.V. ha chiesto al Direttore Generale f.f. “di volere riscontrare con cortese sollecitudine la nota di pari oggetto inviata alla S.V. lo scorso 11 marzo” (Sic) dalla Uil Rua.  La nota, si ricorda, invitava il Direttore Generale f.f. ad operare “un puntuale ed un analitico controllo sulla voce – straordinario - …..per verificare la possibile esistenza di casi di erogazione a personale che ……mantiene l’incarico di – Posizione Organizzativa” chiedendo un incontro sindacale. Riscontro che, a tutt’oggi, non è mai avvenuto. (All.n.5)

Risulta, altresì, incomprensibile che l’Azienda, e non da ora, non dia alcuna risposta a diverse richieste di questa O.S., senza che nessuno tema, per eventuali responsabilità personali, di essere chiamato a rispondere penalmente per omissione. L’Azienda, invece, scrive alla M.V. per dire falsità e accuse infondate e offensive.

Forse, banalmente, le OO.SS. universitarie, con la presentazione della pregiudiziale nella contrattazione, hanno fornito al Direttore Generale f.f. l’occasione di potere “regalare” le problematiche del personale al prossimo Direttore Generale, giustificando, così, il rinvio del confronto.

Si ha, invero, la fondata impressione che il governo dell'Azienda negli ultimi anni abbia risentito degli effetti nefasti derivanti dall'accorpamento con l'ex OVE ( vogliamo ribadire "EX" affinché chi ancora non l'ha capito capisca che l'OVE in quanto Azienda Ospedaliera del SSR non esiste più, salvo che una nuova legge regionale ne volesse disporre la separazione, e perciò se ne faccia una ragione), inducendo il management aziendale a ritenere, falsamente, che l’attuale AOUP sia divenuta un’Azienda Ospedaliera e che le OO.SS. dell’Università non ne siano rappresentative.

Proprio nell’imminenza del cambio dei vertici istituzionali dell’AOUP, non avremmo voluto esprimere tali considerazioni, né tanto meno indirizzare questa nota alla M.V.  Alle accuse e alle offese si oppone la verità dei fatti.

La presente nota è sottoscritta anche da altre sigle sindacali del comparto università, perché direttamente chiamate in causa dal Direttore Generale f.f. quando afferma che le stesse hanno “abbandonato la contrattazione e arrecato notevole disagio a tutti i lavoratori”.

Con l’auspicio e l’augurio di riportare quanto prima nell’AOUP un clima di serenità istituzionale, nell’alveo di un reciproco e doveroso rispetto dei ruoli tra le parti, e delle norme legislative e contrattuali, si inviano cordiali saluti.

F.to Flc CGIL     F.to Cisl Università   F.to Uil Rua    F.to Confsal-Snals     F.to CSA di Cisapuni "

=======================================================

Ultimo aggiornamento Giovedì 05 Giugno 2014 21:08